LECCO – L’Audi che all’alba di domenica ha investito e ucciso Alessandro Martinalli, 57enne ristoratore di Cosio Valtellino, aveva a bordo sei persone, un passeggero in più del consentito. Forse anche per questo il giovane bellanese alla guida, Gabriel Balbiani di 22 anni, è scappato senza prestare soccorso.

Il dettaglio è emerso durante l’interrogatorio del giovane, ora agli arresti domiciliari e che rischia accuse per omicidio stradale, fuga e omissione di soccorso.

Al pubblico ministero Paolo Del Grosso il ragazzo avrebbe raccontato anche di aver bevuto un paio di birre prima di mettersi al volante ma che avrebbe sterzato per tentare di evitare Martinalli, visto all’ultimo momento anche perché la zona dell’incidente, nei pressi della discoteca di Colico, sarebbe poco segnalata e illuminata.

Avvertito il tonfo dunque il giovane avrebbe proseguito qualche chilometro, per poi scaricare alcuni passeggeri e tornare sul luogo della tragedia.

Una volta fatta luce sulla dinamica, sarà la Procura a pronunciarsi sul sottoporre all’autopsia il corpo del gestore del Crow’s Pub di Rogolo e soprattutto sull’eventuale concessione per il giovane – elettricista – di poter tornare al lavoro.

LEGGI ANCHE

Pirata stradale. Dal giudice il giovane bellanese che ha ucciso Martinalli

Colico. Travolto da un 20enne di Bellano, muore il ristoratore Martinalli

 

0Shares