DERVIO – Sincera preoccupazione dal circolo di Bellano-Dervio del Partito democratico in merito alla proposta di rendere a pagamento l’accesso al borgo medievale di Corenno Plinio.

I dem Giuseppe Scaccabarozzi, Andrea Nogara e Raffaele Straniero insieme al sindaco Stefano Cassinelli

Per analizzare e discutere la situazione gli iscritti dell’alto lago si sono riuniti in assemblea invitando anche i componenti della minoranza in consiglio comunale di Dervio, e “unanimemente è stata espressa una sincera preoccupazione relativamente a quanto si vorrebbe realizzare nello storico borgo di Corenno Plinio, con il ventilato pagamento di un ticket per poter accedere indistintamente al paese” commenta il segretario di circolo Andrea Nogara, che prosegue “Suscita una convinta apprensione osservare come sempre più si vada affermando la malsana idea politica che la libertà di movimento in spazi pubblici possa essere restituita alle persone solo previo il pagamento di un obolo. Per cui anche solo per transitare per una strada pubblica, al fine di poter gustare la bellezza del paesaggio, si debba pagare! È questa una sciagurata scelta politica che, oltre a non dare la benché minima garanzia di un reale rilancio turistico (con conseguente creazione di concreti posti di lavoro), rischia di trasformarsi in un’ulteriore occasione di spreco di risorse pubbliche senza alcun benefico ritorno. E, nel contempo, prende sempre più forma il fondato timore che nella mente degli amministratori del territorio si stia radicando la convinzione che le risorse per finanziare la macchina amministrativa dei comuni vadano ricercate e individuate attraverso una tassazione diffusa che solo apparentemente non riguarderebbe i residenti dei singoli paesi (questa è la bella veste con cui si vuole coprire l’operazione!) , ma che, al contrario, finisce per colpire indistintamente tutti in un’ottica di territorio. Anche in questo caso il re è nudo!”.

 

LEGGI ANCHE

Corenno a pagamento. La lettera: “Ma è legittimo interdire pubbliche vie e il porto?”

Corenno. L’ingresso si paga: il borgo medievale come un museo

 

 

0Shares