Dervio. +Europa sui buoni spesa “Condanna a vita, da pasdaran della morale”

8 Aprile 2020 | Alto Lario/Colico, Dervio, Politica

DERVIO – Il Comune di Dervio intende condizionare il rilascio dei buoni spesa per l’emergenza Coronavirus, al requisito dell’assenza, all’interno del nucleo familiare richiedente, di persone condannate per reati “connessi allo spaccio di stupefacenti, di associazione mafiosa e di evasione fiscale”.

“Si tratta di condizioni illegittime ed arbitrarie – commenta +Europa Lario – sia perché vanno a penalizzare nuclei familiari che sarebbero chiamati a rispondere oggettivamente di condotte ascrivibili ad un solo componente, sia perché l’art. 38 della Costituzione sancisce il principio assoluto che ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere abbia diritto al mantenimento e all’assistenza sociale”.

“Ricordiamo – proseguono gli attivisti Radicali – che la L. 92/2012 subordina la revoca delle prestazioni assistenziali ad una espressa pronuncia giudiziale, vale a dire l’irrogazione della specifica pena accessoria in essa prevista e che la stessa legge dispone che, anche coloro ai quali sia stata applicata tale pena accessoria, possono beneficiare, una volta che la pena sia stata completamente scontata e a seguito di presentazione di apposita domanda, delle prestazioni previste dalla normativa vigente in materia, nel caso in cui ne ricorrano i presupposti. Il Comune di Dervio introduce, invece, una assurda condanna “a vita” peraltro estesa anche ai componenti dell’intero nucleo familiare che si vedrebbe privato di un sussidio a causa della condotta anche di uno solo di essi”.

“Ancora una volta assistiamo a prese di posizione da parte di sindaci e giunte che in questo momento si sentono titolati ad agire come i “pasdaran” di una non meglio precisata “morale comune” e non come pubblici amministratori. A questo si aggiunge il fatto che con questo provvedimento, oltre che a rappresentare una palese violazione del dettato costituzionale e di una serie di altre norme previste dal nostro ordinamento, con l’indicazione che solo alcuni specifici reati rappresentano criterio esclusivo per la concessione dei “Buoni Spesa”, siamo di fronte all’introduzione della “morale comune” quale discriminante di un atto adottato da un ente pubblico. Su quale base morale si indicano i reati di spaccio di stupefacenti, di associazione di stampo mafioso o dell’evasione fiscale quali reati punibili con la mancata concessione dei “Buoni Spesa”, mentre vengono esclusi reati altrettanto riprovevoli sotto il profilo morale, quali quelli dei maltrattamenti in famiglia, della violenza sessuale o della bancarotta fraudolenta?”, dichiara Francesco Cima Vivarelli, membro del direttivo di +Europa Lario.

Conclude Luca Perego, coordinatore di +Europa Lario: “Agiremo in tutte le sedi opportune per impedire che questa decisione possa trovare applicazione e tanto meno possa esplicare i propri effetti ai danni di persone la cui unica colpa sta nel fatto di avere un familiare condannato solo ed esclusivamente per alcuni specifici reati. Tanto valeva che a l’elemento discriminate per la concessione dei buoni fosse stata l’altezza di una persona o la dimensione del capo o dei piedi”.

LEGGI ANCHE

Dervio. Niente buoni spesa “a chi frega lo Stato”, scelta saggia?