Il comandante Di Cesare

ALTO LARIO – Gli agenti della Polizia locale di Colico e Dervio hanno fermato ieri pomeriggio un uomo che a Colico si fingeva sordomuto per ottenere soldi dai passanti.

Identificato come cittadino rumeno, è stato sanzionato per abuso della credulità popolare perché si spacciava per invalido chiedendo denaro. L’uomo, che guida una Bmw grigia, si è allontanato da Colico.

Verso le 17 a Dervio una donna sui 30 anni, sempre fingendosi sordomuta, ha avvicinato un gruppo di cittadini del paese tra cui c’era il sindaco Stefano Cassinelli cercando di avere soldi esibendo un falso documento di invalidità.

Il primo cittadino si è identificato e ha chiesto i documenti alla donna che improvvisamente non era più sordomuta e mentre distruggeva il falso certificato di invalidità ha iniziato a insultare Cassinelli e a minacciarlo di morte. Dopo pochi attimi ha colpito il sindaco, spalleggiata dal sedicente marito che allontanatosi da Colico era arrivato a Dervio. I due sono quindi saliti a bordo della Bmw mentre il sindaco aveva già chiamato la pattuglia che stava raggiungendo il lungolago.

Cassinelli ha ricevuto un forte colpo al petto. “Adesso sto bene – racconta a Lario News – non mi ha fatto nulla e ho schivato la macchina…”.

Dopo le minacce di morte il conducente del veicolo è passato ai fatti, cercando di investire il sindaco che si trovava davanti all’auto parcheggiata. Per evitare di essere travolto Cassinelli ha dovuto gettarsi sul marciapiedi mentre, sgommando, i due  fuggivano dalla zona.

L’episodio è avvenuto di fronte a diversi testimoni, sono in corso le indagini per rintracciare i due rumeni.

RedCro

0Shares