Vigili in quarantena. Il Codacons “parte offesa” nel procedimento penale

11 Maggio 2020 | Alto Lario/Colico, Colico, Dervio

MILANO – Come noto, il Comando del corpo di Polizia Locale Associato Alto Lario ha avvisato l’Autorità giudiziaria per i reati che saranno ipotizzabili in relazione alla vicenda – clamorosa- dei tre agenti costretti a lasciare il servizio (metà dell’intero organico) dopo essere venuti in contatto con un soggetto positivo al Coronavirus.

Si trattava di un presunto pirata della strada, fuggito dopo avere investito una giovane ciclista a Dervio e infine rintracciato dai vigili nella sua abitazione.

Tra le ipotesi di reato potrebbero esservi l’epidemia colposa e l’interruzione del servizio pubblico; per questo, il Codacons – Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori – ha annunciato oggi che si costituirà “parte offesa nell’instaurando procedimento penale“.

RedAlt
.

LEGGI ANCHE:

Dervio. ‘Pirata’ fugge: preso, era positivo al Covid. Isolati i 3 vigili