BELLANO – “Ciao mi chiamo Alessio e gioco nella categoria ragazzi della Virtus Bellano. Finalmente abbiamo ricominciato gli allenamenti e le partite… certo la partita di sabato a Tirano non è stata delle migliori, dobbiamo ancora affiatarci come squadra, riscaldare i muscoli che sono stati a lungo a riposo. Però finalmente viviamo un po’ di “normalità” anche se con distanze e attenzioni; ora, infatti, apprezzo di più la “vecchia” quotidianità. Ringrazio tutto lo staff Virtus che ci permette di allenarci rispettando le norme Covid e ci insegna anche la sportività, la correttezza e il rispetto per gli altri… che non è una cosa scontata!”.

Il giovanissimo bellanese di 13 anni ,dopo il fermo imposto dai vari colori delle zone a cui la Regione Lombardia è stata sottoposta a seconda dell’aumento dei contagi, ha ripreso gli allenamenti e le partite da due settimane e sabato scorso nella trasferta della sua squadra a Tirano anche se ha portato a casa un risultato deludente non si è fatto abbattere, anzi ha apprezzato il fatto di essere ritornato in campo per giocare a calcio, la sua passione.

“Il nostro è un girono di sei squadre, ci siamo noi della Virtus Bellano, il Tirano, Premana e tre altre squadre della provincia di Lecco – dice l’allenatore Sergio Bianchi -. Mi ha fatto piacere leggere quello che ha scritto Alessio, perché da qui si capisce che per i ragazzi la cosa importante è lo spirito di squadra, rimanere uniti, essere un gruppo, indipendentemente dal risultato finale. Stare in compagnia, per i ragazzi è quello che conta. Noi facciamo due allenamenti settimanali, sono in 14 e in campo a turno scendono in sette” conclude l’allenatore.

B. I.

0Shares