BELLANO – Una volta, 70 e più anni fa, Bellano aveva un campo da calcio, in riva al lago, alla foce del Pioverna, poi portato via da una piena. Da allora, è stato un susseguirsi di promesse mai mantenute di ricostruirlo.

Ma oggi, grazie al contributo di Regione Lombardia e alla sinergia tra Comune e Parrocchia di San Lorenzo, Bellano potrà avere il suo tanto sospirato campo da calcio a 7, regolamentare, con fondo in sintetico e illuminazione led, completo di spogliatoi.

Non più dove era prima, ma a Vendrogno. I lavori dureranno circa tre mesi, per arrivare pronti entro la stagione estiva.

“Sono tanti gli aspetti positivi di questa azione amministrativa – afferma il sindaco Antonio Rusconi – Innanzitutto il campo da calcio evidenzia il nostro supporto ai giovani e alla Polisportiva Bellano, con il cui presidente Giovanni  Vetere e i responsabili della sezione calcio abbiamo condiviso il progetto, all’aspetto della socialità che è rappresentata dal tappeto verde. Questa azione è anche un importante investimento (oltre 350.000 €) per il territorio di Vendrogno, in cui vogliamo riportare i bambini, i giovani, le famiglie”.

“Quest’opera pubblica rappresenta un bellissimo esempio di collaborazione – prosegue il sindaco – Sono tante le persone da ringraziare, prime fra tutti l’assessore Pierfranco Pandiani, il sindaco emerito di Vendrogno Poppo Enicanti, a Don Emilio e al Consiglio Pastorale che con convinzione hanno ceduto il campo parrocchiale. Grazie anche all’aiuto dell’ufficio tecnico comunale, che ha istruito celermente le pratiche, in particolare Deborah e Davide. Ora non vediamo l’ora di veder giocare sul nuovo campo le squadre della Polisportiva e della Virtus Bellano, organizzare tornei e anche altri eventi sportivi e nel futuro ampliare il campo sportivo ora in itinere con tribune e altri servizi, e perché no, creare proprio a Vendrogno un polo sportivo, con rinnovati campi di volley e pallacanestro all’aperto”.

0Shares