BELLANO – Il Consiglio comunale di Bellano ha conferito quattro nuove benemerenze civiche. Per l’anno 2021 le onorificenze sono state assegnate alla Sezione Avis di Bellano, a Modesto Tarabini e alla memoria di Rita Rossi e Massimino Ortelli.

La Sezione Avis (foto di copertina) è riconosciuta meritevole di ricevere la benemerenza a fronte di ben settant’anni spesi al servizio della comunità e per la diffusione della cultura del dono fra le nuove generazioni.

Mentre Modesto Tarabini viene nominato cittadino benemerito per il suo incessante impegno nell’associazionismo locale, in particolar modo al servizio dell’Associazione Cinema di Bellano.

Le due benemerenze alla memoria, invece, sono volte a mantenere viva la riconoscenza nei confronti di due cittadini indimenticabili.

Rita Rossi, appassionata insegnante delle scuole di Bellano, capace di trasmettere ai suoi allievi non soltanto nozioni curriculari, ma anche conoscenze fondamentali per la loro crescita umana e personale; e Massimino Ortelli, altra figura di spicco del mondo dell’associazionismo locale. Membro del Gruppo Alpini, nel quale ha ricoperto ruoli nel direttivo e con il quale si è impegnato per il bene della popolazione in occasione di varie emergenze, non ha mancato di dedicare il proprio tempo allo sport, cercando di trasmettere una sana passione ai giovani. Sempre attento al prossimo è stato motore, nel 1979, della fondazione del Gruppo Aido di Bellano.

Le benemerenze saranno consegnate in occasione del Concerto di Capodanno in programma domenica 2 gennaio 2022. Nel caso l’evento venisse sospeso a causa del peggioramento della situazione legata all’emergenza sanitaria verrà data tempestiva comunicazione e si provvederà a riprogrammare la cerimonia di consegna delle onorificenze.

“Si tratta di 4 fulgidi esempi da omaggiare e ricordare” – afferma il sindaco di Bellano Antonio Rusconi -. Le benemerenze sono sempre l’occasione di fare emergere uomini, donne o associazioni che si sono spesi per l’altro, hanno lasciato un segno nella comunità, e che speriamo possano essere d’esempio ai più giovani. In questo caso sono davvero contento della scelta che il consiglio comunale ha decretato, all’unanimità: L’Avis è un’associazione meritoria perché permette ad ognuno di noi di fare qualcosa di concreto, di umile per gli altri. Con questo segno ricordiamo i donatori e tutti i volontari che si sono prodigati per questo ente. Umiltà è anche il carattere distintivo di Modesto Tarabini, uomo riservato che da anni si da da fare per il nostro cinema ed è sempre stato disponibile per qualsiasi aiuto (ricordo i carri di carnevale, le mostre al Cotonificio, gli anni in Pro Loco e altro ancora…). Anche Massimimo Ortelli, che quest’anno ricordiamo a 5 anni da scomparsa, è stato un grande uomo del fare per Bellano. In Polisportiva, nell’Aido e con gli Alpini, sempre disponibile con il suo caratteristico piglio deciso e mai stanco. Un’occasione questa per rimembrare la sua figura.. Così come vogliamo ricordare la cara Rita Rossi, Professoressa per tanti anni e per tante generazioni di studenti Bellanesi, mancata troppo presto lo scorso settembre ma che è rimasta nei cuori dei suoi studenti, e che ha insegnato, oltre che la matematica e la fisica, anche nozioni e uno stile di vita, che i suoi tanti alunni ricordano ancora oggi”.

0Shares