Avviciniamoci al Natale con un albo illustrato bellissimo: “L’albero di Natale del signor Vitale” di Robert Barry, Marameo edizioni con la traduzione di Chiara Carminati, finalmente in Italia dopo la sua edizione in lingua originale nel 1963. È una storia che ne contiene tante altre, un albero che ha tante vite, una struttura narrativa a catena dal più grande al più piccolo. Tutto ha inizio quando un gigantesco abete approda nel sontuoso salotto del signor Vitale.

Ma ecco che appena l’albero si trova ben disposto nel suo vaso, tra le pesanti tende del salone, il signor Vitale si accorge con orrore che tocca il soffitto in modo sgraziato!
«… anzi si curvava, come in un inchino: / “Perdinci! Qui dobbiamo tagliare un pezzettino!”»

Il maggiordomo procede con decisione alla recisione. La punta spuntata diventa il dono per la cameriera. Ma, orrore anche lì! Nel tinello delle camere di servizio la punta tocca il soffitto. Da questo momento la punta sarà tagliata, accorciata, tranciata, passando da un personaggio ad un altro, sempre più piccola. Il giardiniere, l’orso, la volpe, i conigli, e infine i topini. In ogni tappa ci accoglie una casa accogliente, addobbata per le feste. Ogni nucleo familiare accoglie la punta di quest’albero generoso che sembra rigenerarsi dopo ogni sfoltita, diventando perfetto per ciascuno. il Natale raggiunge così tutti dai più grandi ai più piccoli.
Un Natale davvero condiviso e per ogni casa!

Rime perfette ed illustrazioni fiabesche e ricche di particolari contribuiscono a darci il senso di questo momento dell’anno, ora più che mai!

Un libro da leggere insieme, adulti e bambini, il giorno di Natale.

di
Claudia Ferraroli
Pedagogista clinica

 

 

 

L’ULTIMO EPISODIO

Pedagogia. Esistono delle linee guida per educare i nostri bambini?

 

 

 

0Shares