DERVIO – La Regione ha risposto alla proposta del gruppo consiliare “Insieme per Dervio” di elaborazione di un criterio matematico per la migliore localizzazione di nuovi forni crematori da autorizzare sul territorio regionale, forte anche del supporto popolare alla petizione promossa dal gruppo di minoranza e sottoscritta da 1.165 cittadini.



L’interessamento manifestato da Regione Lombardia fa ben sperare l’opposizione di Davide Vassena che presto si arrivi alla “soluzione auspicata dalla maggioranza dei derviesi, e cioè che non venga autorizzato l’impianto proposto a Dervio”.

Secondo i criteri matematici espressi dal gruppo consiliare e condivisi con la Regione, Dervio sarebbe in assoluto “la scelta peggiore tra le candidature pervenute”, mentre l’ubicazione “logisticamente migliore” sarebbe quella di Carate Brianza, che permetterebbe di risparmiare sul territorio almeno 640mila km di percorrenza l’anno.

“Non resta che attendere il responso della Regione, fiduciosi che tenga conto delle nostre proposte, frutto di un’analisi ragionata e sostenute dalla maggioranza dei derviesi” ha dichiarato il gruppo di minoranza.

RedPol
,

LEGGI ANCHE:

Dervio. Lettera su tempio crematorio, referendum consultivo e altro

 

 

0Shares