Spaccio a Dervio. Vassena ‘Accuse immotivate, solo propaganda’

3 Febbraio 2020 | Alto Lario/Colico, Dervio

DERVIO – “Accuse gratuite e immotivate” così Davide Vassena replica all’attacco giunto dall’attuale sindaco di Dervio Stefano Cassinelli in merito all’impegno della scorsa amministrazione nella lotta alla droga. “Il problema non è mai stato sottovalutato – spiega l’ex primo cittadino – solo che lasciavamo la ribalta alle forze dell’ordine senza cavalcare il loro lavoro”. E in fatto di numeri ricorda l’operazione del maggio 2019 con sequestri per due chili di stupefacenti tra cui la terribile eroina gialla.

Ecco in forma integrale l’intervento di Vassena:

Il sindaco Cassinelli non ha perso una nuova occasione per accusare gratuitamente e immotivatamente la passata amministrazione, e il sottoscritto in particolare, strumentalizzando anche il problema dello spaccio di droga sul territorio e approfittando del momento di notorietà mediatica conseguente a una recente operazione delle forze dell’ordine. In particolare, è molto grave l’esternazione di Cassinelli secondo cui “gli ex amministratori e in particolare l’ex sindaco affermavano che non vi era alcun problema”. Davvero non capiamo come possa dire una cosa così grave quanto immotivata. La passata amministrazione non solo non ha mai negato il problema, ma si è impegnata con le forze dell’ordine per cercare di risolverlo, almeno quanto l’amministrazione attuale, con la sola differenza di non aver attinto a piene mani al supporto della propaganda mediatica alla quale questi ultimi mesi ci hanno abituato.

Il problema dello spaccio di droga non è mai stato sottovalutato. Ogni segnalazione ricevuta dai cittadini è stata prontamente indirizzata anche dall’Amministrazione precedente alle forze dell’ordine, con le quali erano stati instaurati anche dei canali diretti di comunicazione. In collaborazione con l’Amministrazione Comunale lo scorso anno era stato anche aperto, presso il municipio, uno sportello gestito dai Carabinieri proprio per incontrare direttamente i cittadini anche su questo problema. Numerosi sono quindi stati gli interventi dei Carabinieri che sono seguiti alle segnalazioni ricevute, e per i quali siamo loro grati.

Nel 2018 ci sono state diverse operazioni anche in paese con arresti per spaccio, sequestro di consistenti quantità di droga e di attrezzature varie, ed anche un intervento molto simile a quello che è stato fatto mercoledì scorso, nella stessa area e con il medesimo spiegamento di forze, con l’utilizzo di diverse pattuglie di militari, cani antidroga e specialisti. Il risultato migliore recentemente ottenuto in paese nella lotta contro la droga rimane probabilmente quello ottenuto all’inizio di maggio del 2019, quindi durante il mandato della precedente amministrazione, con l’arresto di uno spacciatore che deteneva a Dervio oltre 2 kg. di droga, tra cui la micidiale eroina gialla (per intenderci, stando a quanto riportato dalla stampa, 4 volte il quantitativo sequestrato nel blitz di mercoledì scorso). Gli interventi, quindi, sono stati fatti anche in passato. E allora, qual è la differenza? È che il sindaco attuale sta cavalcando mediaticamente questi interventi, mentre chi l’ha preceduto aveva lasciato alle forze dell’ordine, com’era giusto che fosse, l’intera ribalta per gli ottimi risultati delle operazioni effettuate, pur mantenendosi costantemente informato e collaborando attivamente con loro per quanto di competenza.

Nessuno vieta al nuovo sindaco di fare propaganda, che infatti su questo ed altri argomenti è davvero ai massimi livelli, ma abbia almeno rispetto del lavoro di chi l’ha preceduto. Invece la sua scelta di denigrare sistematicamente (e gratuitamente) gli antagonisti politici non fa onore alla carica istituzionale che ricopre e di certo gli sottrae preziose risorse che potrebbe destinare a risolvere altri importanti problemi del Comune che, accuratamente sottratti alle luci dei riflettori, languono invece in attesa di una soluzione.

Davide Vassena, già Sindaco di Dervio

 

LEGGI ANCHE

Dervio. Cassinelli “Lo spaccio una minaccia, Vassena sottovalutava”

Dervio. Fermato spacciatore, nascondeva oltre 2 chili di droga