BELLANO – Venerdì 7 aprile gli alunni delle classi quinte dell’istituto comprensivo monsignor Vitali di Bellano frequenteranno delle lezioni un po’diverse dal solito: non matematica, italiano, storia ma “sicurezza“. La lezione è il terzo appuntamento della rassegna d’incontri dal titolo “A scuola di sicurezza: Prof. Sferino insegna…”, promossa da una società di Barzanò che si occupa di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

L’obiettivo è sensibilizzare i futuri cittadini e lavoratori alle tematiche della prevenzione, anche in campo di igiene alimentare, e per farlo efficacemente saranno utilizzati linguaggi vicini al mondo dei bambini in modo creativo e divertente: esperimenti, filmati, giochi, momenti di riflessione.. in grado di favorire il confronto tra pari e con i “maestri di sicurezza” per far emergere contenuti di base applicabili anche alla vita di tutti i giorni, come far fronte alle piccole situazioni pericolose riscontrabili a casa e a scuola o l’importanza di lavarsi bene le mani.

“L’anno scorso, in concomitanza della giornata mondiale della salute e sicurezza – spiega il responsabile dell’ufficio tecnico dell’azienda – mi capitò tra le mani un poster della Rai. Rimasi colpito del contenuto. In copertina due bambini abbigliati come lavoratori. Il primo diceva: Mi chiamo Marco, ho 10 anni e voglio costruire case. La seconda: Mi chiamo Monica, ho 9 anni e voglio curare le persone. In calce una frase ‘Il lavoro nasce dai sogni…non lasciamo che diventi un incubo’. Ho condiviso col mio staff questo bellissimo messaggio. È nata cosi l’idea per questa serie di appuntamenti dedicati ai nostri figli, studenti e futuri lavoratori”.

Qui il video della pubblicità