Valchiavenna. Continuano a bruciare i boschi, colpa dei “botti”?

2 Gennaio 2017 | Alto Lario/Colico, Lario

elicotteri-incendio-valchiavennaVALCHIAVENNA – Versioni contrastanti sulle possibili cause, ma pauroso incendio ancora in corso a distanza di ore nella vicina Valchiavenna, scoppiato in territorio comunale di San Giacomo Filippo (Sondrio) ma poi diffuso fino ai boschi della località Bette, sopra il popoloso abitato di Chiavenna.

Forse botti di fine anno o fuochi di artificio all’origine del rogo – malgrado un’ordinanza che ne vietava esplicitamente l’impiego, proprio per il grave rischio di incendi.

L'immagine può contenere: pianta, spazio all'aperto e naturaL’emergenza ha fatto scattare i soccorsi nella notte di capodanno: al lavoro diverse squadre dei Vigili del Fuoco di Sondrio con l’appoggio degli elicotteri della Protezione Civile lombarda oltre a volontari che hanno operato per tutta la giornata di domenica 1 gennaio.

Nel pomeriggio di ieri Luca Della Bitta, sindaco di Chiavenna nonché presidente della Provincia di Sondrio, ha emanato una nuova ordinanza che dispone la chiusura al transito dei sentieri nell’area interessata dal vasto rogo [vedi fondo pagina].

L'immagine può contenere: montagna, cielo, nuvola, spazio all'aperto e natura

E poco fa, lunedì mattina dunque, lo stesso primo cittadino ha confermato via Facebook che “Come previsto l’incendio ha ripreso la sua attività. Siamo in campo con tutte le forze possibili. Tre elicotteri ed è in arrivo il Canadair. A terra avremo decine di volontari. Lo spegneremo“.

L'immagine può contenere: cielo, montagna, spazio all'aperto e natura

Aggiornamenti costanti su LarioNews

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, spazio all'aperto e natura

Sopra: foto di Cesare Contin

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Foto in copertina di Meme Sinoni