Esino. Il Museo delle Grigne ha una nuova sede

16 Aprile 2016 | Cultura, Lario, Perledo/Esino

ESINO LARIO – Lo slancio verso il futuro di Esino Lario, nell’anno in cui il paese ospiterà il raduno mondiale di Wikipedia, parte dalle solide basi della storia del suo territorio e della sua comunità. Dopo poco più di mezzo secolo dall’inaugurazione del 1959, il Museo delle Grigne di Esino Lario cambia volto.

È stata inaugurata oggi, infatti, la nuova sede del museo, il cui edificio si trova a Villa Clotilde, uno dei simboli di Esino e sede della biblioteca del paese e dell’Archivio Pietro Pensa. La struttura, realizzata su progetto degli architetti Flavio Cattaneo ed Eugenio Dell’Era, si inserisce nel magnifico contesto del parco della villa.

museo grigne 4“Nato negli anni ’30 ad opera del parroco Giovanni Battista Rocca, il museo ha da allora contribuito a far conoscere e tramandare le peculiarità di un territorio straordinario come quello di Esino”, ha spiegato il presidente dell’associazione Amici del Museo delle Grigne, Carlo Maria Pensa.

Originariamente situato nei pressi della chiesa parrocchiale San Vittore, negli attuali spazi del campo Sportivo, durante la seconda guerra mondiale, per evitare la dispersione del patrimonio, vide alcuni reperti trasferiti presso il museo di Varese, al fine di essere conservati.
Nel dopoguerra si riprese l’iniziativa, grazie all’amministrazione comunale guidata dall’allora sindaco Pietro Pensa, e negli anni il museo ha sviluppato una collaborazione con la Comunità montana della Valsassina, con il museo di Premana e con il museo civico di Lecco.
Nel 1977 il trasferimento nei locali comunali in Piazza Pietro Pensa, sede precedente a quella inaugurata oggi. Nel 1998 è stata istituita l’associazione “Amici del Museo Onlus”, per contribuire a valorizzare e incrementare la collezione. La stessa associazione è dal 2008 ente gestore del “Ecomuseo delle Grigne”.

museo grigne 5Nel 2005 l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Costante Grassi, ha il via ai lavori di costruzione della nuova sede, realizzata su progetto degli architetti Flavio Cattaneo ed Eugenio Dell’Era. Negli anni successivi, con il sindaco Giovanni Dell’Era vengono realizzati i progetti di completamento del Museo, con una sala polifunzionale e gli allestimenti.

Con l’attuale sindaco Pietro Pensa e grazie all’impulso di Wikimania sono stati portati a termine i lavori di sistemazione del parco e il trasferimento di tutte le collezioni del museo ora esposte al pubblico in uno spazio ampio e luminoso, fino al completamento dell’opera inaugurata oggi.

Pur cambiando la sede, il museo rimane punto di riferimento della cultura esinese, testimone, in chiave locale, dell’evoluzione dei luoghi e dell’uomo: al suo interno contiene importanti collezioni di paleontologiche, reperti archeologici e una collezione demoetnoantropologica

Il museo contiene importanti collezioni che danno, in chiave locale, il senso degli eventi geologici e della storia:

Storia naturale
museo grigne 3Il museo conserva una raccolta paleontologica di minerali e fossili. Il territorio calcareo della Grigna è da sempre noto per la frequenza dei ritrovamenti che hanno reso famoso il nome di Esino e hanno richiamato scienziati da tutto il mondo. L’abate Antonio Stoppani descrisse nel ‘800 oltre duecento diverse forme nella sua classica monografia “Paléontologie lombarde ou description des fossiles de Lombardie”.

Reperti archeologici
La collezione archeologica comprende alcuni dei reperti trovati nella val d’Esino. Questi testimoniano la diversa origine dei due nuclei abitativi del paese, Crés di origine celtiche e Psciac romana.

Collezione demoetnoantropologica
La collezione di attrezzi di vita quotidiana conserva strumenti di lavoro utilizzati fino ai primi decenni del ‘900. Vi sono utensili legati all’agricoltura, all’allevamento, alla produzione burro e formaggio e alla filatura della canapa.

Pietro Pensa, sindaco di Esino Lario

Pietro Pensa, sindaco di Esino Lario

La cerimonia di inaugurazione ha visto presenti, insieme al sindaco di Esino Pietro Pensa, il presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo, l’assessore regionale Antonio Rossi, l’onorevole Veronica Tentori, il presidente della Comunità montana Carlo Signorelli, il presidente della Fondazione della Provincia di Lecco Mario Romano Negri, la responsabile della soprintendenza per i beni archeologici per la provincia di Varese, Barbara Grassi.

“Il museo è un primo tassello del cammino verso Wikimania — ha detto il sindaco di Esino, Pietro Pensa —. Abbiamo voluto partire da qui, dalla nostra storia, per guardare insieme al futuro. Esino e il suo territorio vogliono crescere, la nostra comunità ha voglia di crescere”.