Gilardoni. Al via il processo per lesioni sul lavoro, 32 parti lese

8 Febbraio 2018 | Lario, Mandello

MANDELLO DEL LARIO – Si sono costituiti parte civile nei confronti dell’ex titolare e imprenditrice Maria Cristina Gilardoni, dell’ex capo del personale dell’azienda, del nipote socio di minoranza della società e di due medici. La richiesta di due dipendenti della Gilardoni Raggi X è stata la novità del processo che ha visto 32 parti lese ed è aggiornato al prossimo 31 maggio.

Maria Cristina Gilardoni e Roberto Redaelli, ex direttore del personale, sono accusati di maltrattamenti e lesioni, mentre il socio di minoranza Andrea Ascani Orsini e i medici aziendali Stefano Marton e Maria Papagianni devono rispondere di lesioni e violazioni di norme sul lavoro.

Le violenze risalgono al periodo tra il febbraio 2013 e il 29 settembre 2016: e-mail e telefonavano ai dipendenti a casa in malattia, mettendo in dubbio la loro salute. Vessazioni, insulti, ma anche schiaffi, piedi pestati, graffi e addirittura morsi sulle braccia. Il giudice Nora Lisa Passoni, su parere favorevole dell’accusa condotta da Mattia Mascaro, ha aggiornato l’udienza.

Si è aperto anche il processo nei confronti di Alberto Comi, già consulente della Gilardoni Raggi X e accusato di esercizio abusivo della professione. Avrebbe firmato documenti come commercialista.