Mandello. Ciappesoni scelto per allestire il palazzo della Regione

28 Luglio 2015 | Lario, Mandello

MANDELLO DEL LARIO – Regione Lombardia ha scelto Andrea Ciappesoni come eccellenza lombarda nel design per allestire l’auditorium del Palazzo della Regione Lombardia,  per il contest “Lombardia, Feeding the future, now!” per Expo fino al 10 settembre.

IIl concept individuato, che intende esprimere al meglio il Dna innovativo della Lombardia, quale Regione da sempre in grado di valorizzare l’ingegno umano nei diversi settori, partendo dalla conservazione delle proprie radici è “Lombardia, Feeding the Future, now”, un concetto coerente con il tema dell’Expo e con il tema di Padiglione Italia, sinergico con l’Albero della vita e con il concept del Vivaio di Padiglione Italia e indica una sintesi armonica di tradizione e innovazione, bellezza e tecnologia, efficienza e creatività, in cui le radici del passato fruttificano e germogliano continuamente, alimentando l’innovazione del presente e le promesse e le potenzialità del futuro. Sarà un percorso attraverso le eccellenze e promesse agroalimentari, paesaggistiche, storiche, culturali e tecnologiche della penisola, pensato per un pubblico internazionale in un’ottica di valorizzazione dei territori, dei prodotti e della tradizione lombarda di rilevanza nazionale.
“E’ una location di alto prestigio, in un contesto ipermoderno facilmente raggiungibile – è il commento di Ciappesoni -. Nell’auditorium del palazzo della Regione vengono quotidianamente organizzati meeting delle più alte cariche istituzionali, assemblee della giunta regionale e conferenze. E’ un onore poter esporre i miei prodotti nell’auditorium Testori, contribuire a illuminare in modo artistico il locale dove è collocato anche un quadro di grandi dimensioni del noto artista pittore di Canzo Salvatore Fiume. Per l’occasione ho realizzato un albero composto da sole lampadine the light in the bubble (una lampadina in plexiglas con sorgente a led, che riproduce l’effetto ottico della vecchia lampadina a filamento di Edison) e cavi fluorescenti e un’opera artistica alta 160 cm riproducendo fedelmente, in un vaso di marmo di Carrara, fiori di calla in vetro soffiato illuminati e foglie in vetro di Murano. Si potranno visionare in anteprima i miei nuovi prodotti, la lampada lunatica in vari tipi di marmo e anche in versione speciale realizzata dalla lavorazione di un blocco di grafite, con lampadine the light in the bubble in pietre dure semipreziose. Ho inoltre esposto nuovi complementi di arredo, dei tavolini ramati con piano in vetro e plexiglas con inglobata una tovaglia bicolore: è il primo esperimento al di fuori del lighting, in quanto ho intenzione di disegnare e sviluppare per il futuro anche altre tipologie di prodotto”.