Mandello. Fasoli: “Sugli scuolabus Casa Comune fa allarmismo”

16 Ottobre 2020 | Mandello, Politica

MANDELLO DEL LARIO – Il sindaco Riccardo Fasoli replica alle presunte difformità e disattenzioni nel trasporto scolastico denunciate da Casa Comune.

Quasi tutte le affermazioni sono inesatte o del tutto false e possono dare, come unico risultato, l’allarmismo tra i genitori.

Prima di riattivare il trasporto scuolabus sono state adottate tutte le precauzioni imposte dalle normative anti Covid. I tragitti sono stati rivisti, anche imponendo a qualche bambino un tragitto maggiore rispetto all’abituale, per garantire il rispetto sia del numero di passeggeri sia del massimo 15 minuti di compresenza sull’autobus di bimbi distanziati meno di un metro. In questi casi straordinari, che coincidono con i pomeriggi del lunedì e del mercoledì per il tratto tra la scuola Pertini e la frazione di Somana, è comunque mantenuta una occupazione inferiore alla massima capienza consentita. I bimbi accedono ai posti a sedere nel rispetto delle disposizioni di omologazione dell’automezzo: non ci sono situazioni di sovrannumero di utenti. Il rispetto delle normative è garantito dall’accompagnatrice sempre presente sullo scuolabus.

Alcuni genitori hanno alimentato la mancanza di avviso circa alcune modifiche di percorso che non ci sembrava necessitassero di comunicazione. Di questo, siamo dispiaciuti.
Saranno comunque fatte ulteriori verifiche per ridurre le fermate ridondanti (alcune a poche decine di metri dalle fermate principali di frazione) così da diminuire ulteriormente le compresenze.

Invito il gruppo di minoranza ad informarsi presso le strutture comunali che sono a loro disposizione. Otterranno sicuramente tutte le delucidazioni del caso nell’ottica di evitare inutili allarmismi e poter portare invece avanti lo spirito di leale collaborazione annunciato in consiglio comunale nell’interesse del comune di Mandello e dei suoi cittadini.

Riccado Fasoli
Sindaco di Mandello del Lario

 

LEGGI ANCHE

Mandello. Casa comune: “Pulmino pieno, i genitori ritirano i figli dal trasporto”