Esino. La lettera: “Invasione di processionaria, attenzione ai cani”

7 Febbraio 2020 | Perledo/Esino

ESINO LARIO – Riceviamo e pubblichiamo una lettera che segnala un’anomala invasione di processionarie nei boschi di Esino Lario, in particolar modo in località Agueglio.

L’insetto, oltre ad essere particolarmente distruttivo per la vegetazione, possiede anche una peluria tossica per gli animali, il cui contatto può in casi estremi portare al decesso.

“Salve, da diversi anni possiedo una baita in località Agueglio, in direzione Esino-Lario. Da qualche settimana a questa parte, ho notato lungo la strada una preoccupante invasione dei nidi di processionaria, forse dovuta anche alle anomale condizioni meteo degli ultimi mesi. I nidi di questo insetto, presenti in particolar modo sulle piante aghiformi, sono facilmente distinguibili per la consistenza filamentosa e il colorito biancastro. Oltre ad essere un danno per i boschi, le processionarie possono essere pericolose anche per gli animali, soprattutto i cani; questi infatti, per loro natura, sono soliti avvicinarsi ai bruchi, venendo a contatto diretto con naso e bocca o, nella peggiore delle ipotesi, ingoiandoli. Il contatto con i peli del parassita può risultare letale per l’animale, in quanto può determinare problemi del tratto respiratorio o gravi lesioni. L’obiettivo di questa segnalazione è quello di sollecitare gli enti di competenza per evitare che, una volta “schiusi” i nidi, sia troppo tardi. 

Grazie per l’attenzione”

[Lettera firmata]