TREMEZZINA – “Davanti alle questioni poste dalla realizzazione della variante della Tremezzina serve spirito pratico con due obiettivi ben definiti. Prima di tutto, l’auspicio è che Anas faccia il possibile per ridurre i tempi di chiusura della Regina attualmente stimati in quattro mesi di stop totale o 18 mesi di senso unico alternato. Il secondo obiettivo è poi mettere in campo tutte le risorse regionali e territoriali a livello tecnico e organizzativo per realizzare un piano attuabile di mobilità alternativa. Questo è importante per tutelare non solo visitatori e turisti che sono una risorsa per l’economia locale ma soprattutto i residenti lariani che sulla Statale Regina vivono e lavorano”.

Lo dichiara Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Partito Democratico, commentando la mozione in discussione oggi in consiglio regionale con cui viene chiesta l’istituzione di un tavolo tecnico per fare fronte alle problematiche relative alla realizzazione della variante della Tremezzina.

“La variante finalmente potrà risolvere gli annosi problemi viabilistici di questa sponda del lago di Como, portando sviluppo e progresso. Ora che ci apprestiamo a realizzare concretamente quest’opera fortemente voluta dagli esponenti territoriali del Partito Democratico, oltre ai tavoli di confronto, dobbiamo lavorare per evitare che una soluzione attesissima dal territorio diventi a sua volta un problema con enormi disagi per tutti”.

0Shares