Ad

Bracconaggio. Fauna protetta sotto tiro, sequestrate tagliole e archetti

30 ottobre 2018 | Lario, Perledo/Esino, Valsassina

Tagliole

ESINO LARIO – Giorni impegnativi per la Polizia provinciale di Lecco sul fronte del contrasto al bracconaggio e alla caccia illegale e del soccorso e recupero di animali feriti per cause correlate all’esercizio venatorio.

Lunedì 29 ottobre a Esino Lario, all’interno di un’area privata, gli agenti del nucleo faunistico hanno proceduto al sequestro di mezzi vietati posizionati per la cattura di avifauna (18 archetti e 2 tagliole) e alla denuncia penale dell’autore dell’illecito e proprietario dell’immobile.

Archetti

Questi mezzi provocano la morte lenta e cruenta dell’animale, in quanto le vittime catturate sono costrette a penzolare testa in giù con le zampe fratturate dallo scatto della trappola. L’utilizzo dell’archetto consente di catturare in modo indiscriminato varie specie di avifauna, ma in particolare è finalizzato al bracconaggio di pettirossi, specie protetta.

Solo pochi giorni prima a Erve un settantenne è stato sorpreso presso un appostamento fisso di caccia dopo aver abbattuto con il fucile una specie non consentita (turdela), oltre ad aver violato altre disposizioni sulla caccia a carattere amministrativo.

Gufo Reale

Altri quattro esemplari di rapaci (tra cui un gheppio, una poiana e uno sparviere), tutti soccorsi e recuperati dalla Polizia provinciale per essere curati e trasferiti al Centro recupero animali selvatici di Valpredina, sono stati bersaglio di pallini da caccia, che per fortuna non hanno ferito in modo mortale gli animali. Tra questi un bellissimo Gufo Reale (Bubo Bubo), rapace notturno di cui è vietata la caccia in quanto particolarmente protetto dalla Direttiva comunitaria Uccelli.