LECCO – Non c’è pace per la Strada Statale 36 “del Lago di Como e dello Spluga”. A meno di una settimana dall’annuncio delle Olimpiadi in Valtellina è fuori discussione che la SS36 sia il primo dei mali da curare in vista dei giochi, ma se non bastasse è la stessa arteria a ribadire il concetto. Con la canna nord del Barro chiusa infatti la viabilità lecchese non regge. I calcinacci di sabato sulla carreggiata nella galleria di Galbiate…

> LEGGI TUTTO su

 

 

0Shares