Lago ‘unito’? No di Maroni alla proposta di Molteni

22 Febbraio 2016 | Lario, Lierna/Varenna, Perledo/Esino, Politica

ESINO LARIO – La visita del presidente della Regione Roberto Maroni ad Esino in occasione dell’avvicinarsi del raduno mondiale di Wikipedia è stata occasione per incontri politici e trattative sul futuro del nostro territorio. E la notizia più interessante sotto questo aspetto viene proprio dal tonfo sonoro riservato alla proposta varennese per gettare le basi di una riunificazione amministrativa dei territori attorno al Lago di Como.

maroni esino wikipedia 6Nell’incontro tra il governatore lombardo ed i sindaci nostrani è spuntato dal nulla un Ordine del giorno del Comune di Varenna per impegnare le istituzioni, in mesi di fermento per la creazione delle Aree Vaste, a “chiedere con forza che ogni riorganizzazione territoriale parta dalla riunione del lago e delle valli, attualmente diviso tra la provincia di Como e quella di Lecco, in un’unica area vasta“.

Inoltre l’assessore al Turismo Paolo Ferrara, firmatario dell’idea fatta propria dal sindaco Carlo Molteni, chiede che “proprio dalla riunione del lago si parta per definire i confini dell’area vasta“.

molteniUn documento che il primo cittadino lariano ha voluto illustrare a Maroni in solitaria, lasciando di stucco tutti gli altri amministratori presenti. Tempo comunque guadagnato quello che sarebbe servito per parlarne ai colleghi sindaci, dal momento che il governatore ha impiegato pochi secondi per accantonare il principio di riunione del Lago di Como come base di partenza per il riassetto dei territori.

Il futuro della sponda lecchese del Lario continuerà perciò a marciare alle spalle delle prerogative del capoluogo, e se di avvicinamento a Como si parla già ora, e si continuerà a parlarne, la forza motrice saranno le esigenze politico-economiche brianzole e non certo quelle turistiche del Lago.

lago unito molteni maroni

 

 

LEGGI ANCHE
Esino. Per Wikimania appaltati i lavori, SP65 pronta entro giugno