Colico. La neve scende, si alza un “putiferio” di proteste

13 Dicembre 2019 | Alto Lario/Colico, Colico, Meteo

COLICO – Secondo giorno di nevicate a Colico, non ininterrotte, e le proteste non mancano. La pulizia delle strade di competenza del Comune – segnalano diversi residenti – lascia a desiderare. Già nella giornata di ieri i cittadini hanno iniziato a lamentarsi del piano messo in atto per rendere fruibili strade e marciapiedi.

Gli abitanti di Laghetto si sono sentiti “abbandonati” rispetto al centro paese, insorgendo sul web. Molte altre le vie non battute da lame e mezzi spargisale, diversi marciapiedi appaiono ancora pericolosi. Addirittura in viale Padania, strada al di sotto della stazione, a mezzogiorno e mezzo pare che nessun mezzo fosse intervenuto.

Nella giornata odierna, fino a due ore fa (14:30 circa) neanche la frazione di Villatico risultava pulita.

La coltre di neve che ricopre le strade lascia intendere che comunque non sia neanche mai passato il salatore. Le strade circostanti il nuovo campus scolastico, già criticato per la viabilità generale, intorno a mezzogiorno non erano ancora state “messe in ordine”. Al suonare della campanella, sia il piazzale interno sia le aree adiacenti erano ricoperte da una coltre di neve non indifferente, anche se le precipitazioni atmosferiche erano ormai terminate, rendendo pericolosa l’uscita degli scolari.
 
Colico è il paese in provincia di Lecco con più strade, tuttavia non sembra essere stata adeguata la preparazione in caso di eventi simili. Inoltre, alla fine di questo mese il “contratto della neve” con l’azienda ora incaricata andrà a scadenza.
 
M. R.
 

Foto da Facebook