GERA LARIO – Nonostante la pandemia il recupero del patrimonio artistico comasco non si ferma. Nello scrigno della chiesa di San Vincenzo a Gera Lario, sull’altare maggiore, si trova uno stupendo polittico ligneo dipinto cinquecentesco, annerito dal tempo e dalle spesse vernici di metà novecento. Da anni si auspicava si mettesse mano al suo restauro, in particolare ora che gli studiosi hanno messo mano ad un progetto di approfondimento degli studi sull’arte dell’Alto Lario.

La fondazione provinciale comasca ha selezionato il progetto di restauro del polittico e contribuirà con parte della somma necessaria all’intervento. In cambio però chiede che la comunità lariana partecipi alla raccolta dimostrando il suo attaccamento a questo meraviglioso santuario e alle sue opere. Il progetto prevede inoltre la realizzazione di un’interessante sistema digitale per la valorizzazione della chiesa: tramite smartphone e tablet sarà possibile, scansionando un qr code apposto all’esterno, navigare virtualmente attraverso la navata di San Vincenzo e ottenere tutte le informazioni sulla sua storia e i suoi tesori.

“Per questo – spiegano dalla Fondazione – il 12 settembre alle 16:30 abbiamo invitato a parlare la funzionaria della soprintendenza delle province di Como Lecco e Sondrio, Ilaria Bruno, e il restauratore che ha stilato il progetto, Damiano Spinelli, affinché, nella cornice della chiesa di San Vincenzo, illustrino le storia e le caratteristiche del polittico e descrivano il delicato intervento di restauro necessario. In quell’occasione verrà anche spiegata con precisione la dinamica del finanziamento da parte della fondazione e le modalità per partecipare attivamente al recupero della pala d’altare. Mancano solo 4.250 euro, da raccogliere entro il 24 novembre, per far si che il progetto prenda avvio”.

0Shares