BELLANO – “Fotografare il Sacro” è il titolo dell’incontro di fotografia di domenica 16 maggio, vivere l’esperienza di fotografare la Chiesa di Santa Marta, attualmente chiusa per restauri. Gli appassionati di fotografia potranno prenotare entro il 14 maggio all’indirizzo custodidelpatrimoniobellano@gmail.com e scegliere due fasce orarie: 10-11 e 14-15.

Accompagnatore all’interno dell’edificio sacro sarà Gabriele Viganò, 26enne bellanese appassionato di fotografia che fornirà le nozioni sulle tecniche per fotografare le opere racchiuse nella chiesa. “Ho iniziato ad appassionarmi di fotografie nel 2012, utilizzavo una macchina fotografica Reflex. I miei scatti erano rivolti verso il paesaggio, il lago, i monti, l’orrido, quello che mi circondava” racconta Gabriele.

“La svolta per la mia passione è stata nel 2019 quando ho fatto un viaggio in India con il fotografo lecchese Luigi Rota, lì ho colto gli attimi, le persone e l’ambiente. Successivamente spazio espositivo di San Nicolao ho fatto anche la mia prima mostra ‘L’India attraverso i miei occhi’. Il 16 maggio accompagnerò le persone che vorranno vivere l’esperienza di fotografare la chiesa di Santa Marta, chiusa per il restauro”. Al termine dello stage fotografico verranno scelti 30 scatti che faranno parte della mostraSguardo sul Sacro. La chiesa di Santa Marta”, nell’ex chiesa di San Nicolao il primo sabato di giugno.

Ad affiancare Gabriele Viganò nella visita a santa Marta e successivamente nella scelta delle immagini da esporre ci sarà il gruppo di lavoro Custodi Del Patrimonio di Bellano, otto giovani bellanesi con un’età compresa dai 17 ai 22 anni che hanno compiuto una formazione sui luoghi e le opere presenti all’interno della Chiesa.

B. I.

0Shares