BELLANO – A battezzare la lista ‘Bellano si rinnova’ è arrivato in paese il potente senatore della Lega Paolo Arrigoni, una presenza importante per il gruppo capitanato da Federico Goretti, il quale presentandosi in autonomia ha di fatto cancellato la possibilità di una unica coalizione nel centro destra. La lista infatti rappresenta sia la Lega con il candidato sindaco e due rappresentanti, soprattutto Fratelli d’Italia con sei e una parte del paese con i restanti candidati civici.

Ciò avrebbe reso più netto il confronto con la lista di centro sinistra. Di tentativi per avviare il percorso insieme a Rusconi – rivela il candidato sindaco  – ce ne sono stati, ma l’attuale primo cittadino li ha lasciati cadere nel silenzio. Ecco quindi la decisione di correre da soli, come accadde nel 2016.

Nel venerdì sera in riva al lago, il banchetto dei candidati scelti da Goretti si mescola ai turisti e al passeggio del tardo pomeriggio. Nella squadra vi sono rappresentate tutte le frazioni tra cui Vendrogno, il paese che ha scelto di fondersi con Bellano e ha portato in dote 700mila euro. Somma che il programma della Lega vorrebbe redistribuita su tutto il vasto territorio delle frazioni, Vendrogno compresa.

È un gruppo in cui contano le singole capacità: “Un sindaco non può fare tutto da solo – spiega Goretti – mi piace l’idea che ognuno sia libero di esprimere proposte, idee e valutazioni. Una squadra al servizio del paese”.

Sul tavolo alcune tematiche generali a partire dalla gestione intelligente della pressione turistica: “Dobbiamo cercare di limitare i flussi di massa mordi e fuggi, impegnandoci da un lato ad allungare il periodo dei pernottamenti, ora siamo a 2,6 notti nei nostri b&b, e dall’altro attrarre anche le fasce medio alte”.

Il tutto però con attenzione a limitare gli impatti negativi sul tessuto sociale della monocultura economica, ecco quindi la valorizzare delle attività produttive ed artigianali esistenti. “Per questo motivo abbiamo voluto in lista degli imprenditori” aggiunge Goretti. Nel contempo si cercano rimedi agli sbilanciamenti demografici prodotti dai valori immobiliari in crescita. Serve aiutare le giovani coppie, dice Goretti, per evitare l’esodo verso aree limitrofe a Bellano.

Sulla questione ambientale ‘Bellano si rinnova’ parte dalla gestione dei rifiuti. Molte persone non hanno spazi all’aperto o terrazzini dove conservare le immondizie fino al giorno del conferimento racconta ancora il candidato sindaco. Le piazzole sotterranee gli sembrano una buona soluzione al problema. Sul fronte dell’energia è in programma l’accelerazione verso i tetti fotovoltaici sugli edifici pubblici, coinvolgendo anche quelli privati per creare le cosiddette “comunità energetiche” e puntare così all’abbattimento delle bollette.

I candidati della lista Goretti sono Dino Gianpiero Buzzella, Bianca Gottifredi,  Angelo Colombo, il muggiasco Luca Liberi, Simona Gottshalck, Salvatore Pirelli, Giada Arrigoni, Ornella Orio, il consigliere comunale Pietro Orio (da sinistra a destra nella foto di copertina) e ancora Antonella Facchinetti, Marco Vitali e Andrea Valsecchi.

N. A.

 

LEGGI ANCHE

Bellano. Tre liste poco civiche: Nogara e Goretti lanciano la sfida a Rusconi

 

0Shares