LECCO – Benché i dati statistici della stragrande maggioranza dei comparti dell’economia italiana abbiano certificato un 2020 da dimenticare in fretta, il mercato del lavoro lecchese tiene nonostante la pandemia.

L’industria turistica è senza dubbio una delle principali vittime del coronavirus, con una diminuzione media di più del 50% in Europa nel corso dell’anno passato. Ora i vaccini regalano qualche speranza alla ripresa settoriale, che ha bisogno di nuove idee utili ad accelerare il suo rilancio.

Per questo grandi speranze sono riposte nell’imminente Hack4Tourism: una preziosa iniziativa che nasce per riunire la gioventù, di studenti e tutti coloro che esercitano un’attività imprenditoriale o professionale ad alto impatto sociale nel comprensorio lecchese. Il fine di questa riunione è addivenire ad idee innovative in ambito del turismo, per il rilancio dell’economia locale mantenendo un’attenzione speciale verso la sostenibilità ambientale e sociale.

Il turismo come chiave di volta di un’area geografica e di una comunità che, come ogni altro importante comparto dell’economia, ha bisogno di essere rinnovato e migliorato secondo gli eventi e le necessità del mercato. “Un top trend su cui puntare è proprio il turismo sportivo afferma Arianna Bianchi per PazziperilFitness – che nell’immediata stagione pre-covid costituiva il 10% del volume d’affari turistico globale. In Italia oltre il 18% dei turisti ha incluso lo sport nella propria esperienza, con oltre il 15% di essi che si sono dedicati al ciclismo ed è in aumento chi sceglie l’alloggio secondo la disponibilità di attrezzature fitness anche in camera”.

Proprio le attività outdoor, il miglioramento delle pratiche del turismo sicuro, rispettoso dell’ambiente e dei lavoratori per una sostenibilità a tutto tondo. Su questo e molto altro verteranno le 12 ore di sfida non-stop  per sviluppare nuove proposte attorno ad un tavolo, il prossimo 17 e 18 aprile 2021.

Il titolo riassume in maniera molto efficace il perimetro entro cui i partecipanti sono chiamati a far sentire la propria voce di innovatore: “Come innovare l’offerta turistica del nostro territorio con progetti imprenditoriali di economia circolare e sociale”. Nella due giorni i partecipanti saranno divisi in piccoli gruppi, da cui ci si aspetta la nascita di innovativi idee su rifiuti ed economia circolare (riutilizzo materiali di scarto, centri del riuso), gastronomia e benessere (cibo a filiera corta, biologico), turismo montano lento (valorizzazione sentieri, beni culturali), mobilità green (trasporti sociali, cicloturismo).

L’iniziativa è promossa dal Distretto dell’Economia Civile, in partnership con il Comune di Lecco, il Consorzio Consolida e Legambiente Lecco e, dopo la presentazione che avverrà il 9 aprile alle 17:00 via Facebook, per poi vedere gli schieramenti fronteggiarsi presso la sede lecchese del Politecnico di Milano. Al termine quanto elaborato verrà presentato online. Il gruppo vincitore di ogni categoria sarà coinvolto in un programma di accelerazione per partecipare alla call for ideas del bando ECO – Economie di Comunità della Fondazione Cariplo.

Possono partecipare solo i nati dal 1991 al 2004. Per iscriversi è sufficiente andare alla pagina https://www.eventbrite.it/e/biglietti-hack4tourism-hackathon-per-uneconomia-civile-a-lecco-145051505959 

 

0Shares