Ad

Corenno. L’ingresso si paga: il borgo medievale come un museo

11 Gennaio 2020 | Alto Lario/Colico, Dervio

DERVIO – Da domenica 29 marzo ci sarà un biglietto d’ingresso a pagamento per entrare a Corenno Plinio. Il borgo medioevale in Alto Lario è un posto meraviglioso e che attrae sempre più persone a visitare le sue “scalotte”, le mura del castello e il panorama che si può godere dalla sua posizione sopraelevata, e l’amministrazione derviese sta lavorando per renderlo sempre più vivo e appetibile ai turisti con iniziative anche di questo genere. “Il Borgo dei mille gradini” è il progetto di valorizzazione inserito nelle promesse elettorale del sindaco Stefano Cassinelli, programma che prevedeva appunto un ticket come nei musei.

Presto verrà installata una biglietteria nella piazza – la struttura è già stata ordinata – e dei cancelli per incanalare i visitatori verso il punto d’accesso.

“Per far ciò servono risorse, all’inizio si utilizzeranno volontari – spiega Cassinelli – e speriamo in un futuro di poter assume giovani del paese, in fondo serve a questo accrescere il turismo, a creare posti di lavoro“.

Gli introiti degli ingressi oltre ai finanziamenti ottenuti verranno interamente utilizzati per riqualificare la zona, inoltre verranno installate opere aggiuntive lungo la passeggiata nel borgo come fioriere e nuovi cartelli.
Già presenti ora nello spiazzo panorama, ai piedi delle mura, dei pannelli esplicativi sui paesi della sponda occidentale, ma in un prossimo futuro verranno installate molteplici targhe per illustrare la storia del paese e i suoi punti di forza, come le Aree dei Sormani, la filanda e tanti altri. “Un architetto sta lavorando per creare dei cartelli fatti su misura per il borgo” commenta il sindaco.

Pagare per visitare un luogo storico è giusto, e si fa in moltissimi altri paesi d’Italia” prosegue il primo cittadino. “Il costo del biglietto è ancora da stabilire e sarà allineato a quello di altre strutture turistiche del territorio, da villa Monastero, all’Orrido o al Forte Montecchio”.

Naturalmente i derviesi residenti o possessori di seconde case, i villeggianti del borgo oltre che gli abitanti dei paesi limitrofi come Dorio e Valvarrone saranno esonerati dal pagare l’ingresso. Il regolamento deve essere ancora redatto per intero ma appena sarà pronto l’amministrazione lo presenterà al pubblico con un evento esplicativo. “La Consulta turismo si sta riunendo ogni settimana per lavorare a questo progetto e per redigere il regolamento, inoltre proprio ieri c’è stata una riunione a Colico per proporre tantissime idee per rendere l’Alto Lario ancora più appetibile ai turisti”.

Difatti Colico insieme a Dervio ha vinto un contributo di 52.138,34 nell’ambito della seconda edizione del bando regionale Viaggio #inLombardia per il progetto “Dalla torre viscontea di Fontanedo all’antico borgo fortificato di Corenno Plinio lungo il Sentiero del Viandante: promozione e valorizzazione dei borghi medievali dell’Alto Lario Orientale”

Michela Riva