PERLEDO – Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Vertebrate Paleontology lo scorso 16 aprile 2021 rivela il ritrovamento di un secondo esemplare fossile parente del Lariosauro denominato Panzhousaurus rotundirostris, proveniente dal Triassico medio.

Credit: Journal of Vertebrate Paleontology

titnoriTra gli studiosi che hanno firmato l’articolo scientifico, il professor Andrea Tintori, di Malgrate ma con una casa anche a Gittana, frazione di Perledo.

“Occorre tener presente – afferma Tintori – che la scoperta (e la denominazione) risale a qualche anno fa e ora, grazie ad un nuovo esemplare, si sono ottenuti dettagli anatomici sconosciuti. Ogni esemplare fornisce informazioni differenti perché non si ha a che fare con un animale attuale, ma un resto che ne ha passate tante durante tanti milioni di anni… sarebbe bello che si cercasse anche qui (a Perledo) qualche cosa di nuovo! Ma tutto è fermo”.

L’esemplare è stato trovato nel 2019 vicino alla città di Panzhou, provincia di Guizhou in Cina. Il fossile secondo gli autori Wen-Bin Lin, Da-Yong Jiang, Olivier Rieppel, Ryosuke Motani, Andrea Tintori, Zuo-Yu Sun, Min Zhou offre informazioni fino ad ora sconosciute o non confermate riguardanti il ​​palato dermico, l’aspetto ventrale delle vertebre cervicali e gli arti posteriori, consentendo così un affinamento della diagnosi.

> L’ARTICOLO SCIENTIFICO SUL ‘PARENTE’ DEL LARIOSAURO


Foto di copertina: credit Journal of Vertebrate Paleontology

0Shares