COLICO – Dopo i numerosi movimenti “loschi” notati in frazione Posallo e pubblicati nelle scorse settimane sui canali internet, il problema dello spaccio sul territorio di Colico è stato portato nell’ultimo Consiglio comunale dello scorso venerdì 17 gennaio da Raffaele Grega, capogruppo di minoranza della lista “Nuovo Progetto Colico”.

“C’è una situazione di un certo allarme sociale per tutte le persone di Laghetto e del resto del Comune – ha esordito l’ex sindaco – una fiorente attività di spaccio di stupefacenti con un mercato vero e proprio. È chiaro, è un compito che non spetta all’Amministrazione comunale e non è mia intenzione far pesare a voi questa situazione. I carabinieri sono perfettamente a conoscenza quindi procedono con le loro attività e i loro protocolli. Sarebbe bello che anche l’Amministrazione comunale, con il suo peso per il numero di abitanti, si facesse valere a livello provinciale e rappresentasse nelle varie sedi queste situazioni, così da consentire a chi si trova sul territorio di avere un adeguato supporto”. E conclude: “Non è una bella immagine per il paese”.

Il sindaco Monica Gilardi ha poi risposto: “Ho visto la comunicazione e la delicatezza dell’argomento. Siamo in linea e in contatto con i carabinieri, con la polizia locale. Le forze dell’ordine presenti sul nostro Comune operano in perfetta sintonia, sanno come muoversi e le operazioni si stanno facendo. Interventi che però non sortiscono quei risultati che vorremmo subito, non eradicano il problema. È informata anche la Prefettura. Proprio oggi c’è stato un primo incontro per affrontare il problema della sicurezza”. “Il nostro caso è stato rappresentato dal comandante Di Cesare. Ne siamo perfettamente consci e non perderemo di vista il problema” ha poi concluso.

Alessandro Bonini

 

0Shares